#assaltialcielo: dall’educazione alla politica

Il 22 e 23 ottobre in Università degli Studi di Milano – Bicocca è stato realizzato il convegno ‘Assalti al cielo e ritirate strategiche. Sguardi sul lavoro educativo’.

CRI4QGrWsAATWkU

Chi ci segue sa che Metas ha partecipato, insieme ad altre organizzazioni del Terzo settore, alla costruzione e all’organizzazione di questo evento, voluto dal Prof. Tramma, che è Presidente del CdS in Scienze dell’Educazione.

A questo link potete rintracciare tutte le organizzazioni che hanno collaborato all’impresa

Metas in tutto questo percorso, ricco ed arricchente, ha approfondito la parte della comunicazione. L’intenzione guida è stata quella di evitare una promozione che avesse le sole sembianze di una vetrina per pubblicizzare l’evento, ma che avesse invece il sapore pedagogico della narrazione di un’esperienza, di cui tenere traccia per non disperdere gli insegnamenti possibili e gli elementi da trattenere per continuare a curare tutto ciò che il convegno ha generato: cosa si porta a casa il Terzo settore? Che tesoro può farne l’Università? E quali spazi di dialogo sono stati aperti con tra mondo dei servizi educativi e Politica?

In attesa di decidere, insieme al Prof. Tramma e alle organizzazioni, come continuare a gestire il sito www.assaltialcielo.wordpress.com, rilanciamo da qui le domande che il mondo dell’Educazione professionale ha posto alla Politica. Durante il convegno, infatti, sono stati fatti 4 workshop:

  • Problematicità del lavoro educativo
  • Rapporto tra lavoro educativo, istituzioni e politica
  • Innovazione nel/del lavoro educativo
  • Sguardi sull’educazione dentro e fuori la scuola.

Ogni workshop ha permesso di mettere a fuoco alcune domande da porre ai politici con cui è stata fatta una tavola rotonda.

Riportiamo qui le domande, che è importante non disperdere e che per Metas è importante condividere con tutti i soggetti che ne fossero interessati, per arricchire questo lavoro di nuovi sguardi:

  • Dove va oggi l’educazione professionale dal punto di vista politico?
  • Chi ha una formazione pedagogica e poi entra attivamente in politica, quanto riesce a far comunicare i due ambiti? Cosa dello sguardo pedagogico porta in politica?
  • Le innovazioni in campo educativo vengono finanziate primariamente da fondazioni private oggi. La politica ne è cosciente? Cosa ne pensa?
  • Che percezione hanno i politici di quello che vedono e pensano gli educatori dall’interno dei servizi educativi?
  • Che dizionario comune, tra lavoro educativo e politica, è possibile costruire?
  • Cosa può fare la politica per riconoscere al lavoro educativo un giusto riconoscimento economico, che equivalga al valore sociale che al nostro lavoro viene già riconosciuto
  • Come la politica può promuovere il recupero di un approccio che aiuti la scuola ad aprirsi al territorio?
  • Quanto la politica può promuovere la coprogettazione tra lavoro educativo e scuola?

5 risposte a “#assaltialcielo: dall’educazione alla politica”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *